futuroremoto rigenerazioni

Dall’8 all’11 novembre 2018 si è tenuta presso Città della Scienza, la 32° edizione di Futuro Remoto, il primo Festival della scienza d’Italia, ideato dalla Fondazione Idis.

La manifestazione, insignita per il terzo anno consecutivo della medaglia del Presidente della Repubblica, è tornata, dopo tre edizioni speciali in Piazza del Plebiscito, a Città della Scienza.

Il tema di quest’anno, RIGENERAZIONI è stato declinato in 12 isole tematiche: Agrifood, Aerospazio, Ambienti di vita, Chimica verde, Design-creatività made in Italy, Energia, Fabbrica intelligente, Mezzi e sistemi per la mobilità, Patrimonio culturale, Scienze della vita, Smart communities, Un mare di risorse.

Il Dipartimento di Ingegneria Industriale ha fornito il suo contributo al successo di Futuro Remoto 2018 con tre diverse proposte:

Progettazione Generativa per l'Additive Manufacturing 
Responsabili Proff. Lanzotti - Martorelli

Con il valido supporto di dottorandi, assegnisti e tesisti del gruppo di ricerca proponente, sono state presentate le principali attività di ricerca condotte presso il laboratorio internazionale Fraunhofer JL IDEAS/CREAMI (Interactive Design and Simulation / Center of Reverse Engineering and Additive Manufacturing Innovation), in particolare sulla progettazione generativa per l'Additive Manufacturing. I visitatori hanno potuto apprezzare, mediante slide, video e prototipi fisici realizzati mediante tecniche di Fused Deposition Modelling e di Selective Laser Melting, i notevoli vantaggi offerti oggi dal Design for Additive Manufacturing, in particolare l’attenzione si è concentrata sulla possibilità di progettare e realizzare strutture reticolari (lattice) e ottimizzate da un punto di vista topologico.

RI-GEN: Road Interaction - Grip Estimation Networks
Responsabili Prof. Timpone –Ing. Farroni

L'attività, frutto dell'interazione tra il team Vehicle Dynamics dell'Università di Napoli e lo spin-off MegaRide, startup innovativa e progetto di trasferimento tecnologico, ha offerto al pubblico di Futuro Remoto la percezione dei fenomeni di aderenza tra veicoli terrestri e fondo stradale, per mezzo di dimostrazioni che hanno previsto l'utilizzo di un simulatore di guida. La piattaforma di simulazione ha consentito di riprodurre le sensazioni legate alla variazione del comportamento termico degli pneumatici, ben note in applicazioni racing ed oggetto delle attività del team proponente. Inoltre, per mezzo di presentazioni interattive è stato possibile coinvolgere il pubblico sui temi della sicurezza stradale e dell'ottimizzazione della tenuta di strada. Infine, grazie ad algoritmi innovativi, la platea è stata sensibilizzata sui vantaggi che i temi di mobilità smart e guida autonoma apporteranno al sistema di trasporti ed all'interconnessione tra uomo, veicolo ed infrastruttura.

La progettazione dei Velivoli e principi del Volo
Responsabile Prof. Nicolosi

Sono state presentate le problematiche di progettazione e le metodologie di progettazione degli aeroplani del futuro. La postazione è stata caratterizzata da un tavolino con schermo con video e presentazioni PPT, da una piccola galleria del vento dimostrativa che ha permesso ai visitatori (anche ragazzi e bimbi) di comprendere le leggi base dell’aerodinamica e del volo degli aeroplani. In più una stazione per la simulazione di volo costituita da una workstation e da uno schermo 55” 4K e da cloche e pedaliera di comando ha completato lo stand. La stazione di simulazione è stata anche messa a disposizione per far provare ad alcuni visitatori l’esperienza del volo, assistiti da dottorandi ed assegnisti e ricercatori del gruppo di ricerca DAF (www.daf.unina.it) del Dipartimento di Ingegneria Industriale.