PON
ICOSAF

Progetto ICOSAF SISTEMI INTEGRATI E COLLABORATIVI PER LA FABBRICA INTELLIGENTE
Data d’inizio: 01 Settembre 2018
Durata : 30 mesi
Fondo: PON Ricerca e Innovazione 2014-2020 e FSC (www.ponricerca.gov.it)

ICOSAF mira a tecnologie e sistemi per la fabbrica cooperativa con sempre maggiore integrazione dell’operatore secondo i concetti d’industria 4.0 (automazione interconnessa) e 5.0 (umanizzazione e riutilizzo delle risorse).

Nella visione rientra la robotica mobile e fissa, i sistemi di monitoraggio attivo della qualità e dei macchinari in aiuto all’operatore e AGV funzionalmente interagenti con l’umano e l’ambiente. L’integrazione di tali sistemi nella fabbrica intelligente porta miglioramenti nella produttività, qualità, flessibilità ed ergonomia.

La valorizzazione degli operatori, assistiti da sistemi automatici nelle operazioni a basso valore aggiunto, permette un utilizzo più pervasivo dell’intelligenza e della flessibilità umana insieme alle alte prestazioni che l’automazione comporta.

L’analisi dei dati prestazionali e storici da sensori distribuiti e dalle macchine permette una maggiore efficienza nel controllo di qualità e manutenzione gestiti da operatori, mentre l’utilizzo di sistemi di Interfacce Uomo-Macchina avanzate (da realtà aumentata fino a dispositivi indossabili) ne facilita gli interventi.

Analogamente l’utilizzo di modelli e simulazioni digitali della fabbricane facilita e ottimizza la progettazione e la validazione, dalle singole postazioni di lavoro all’intero shop-floor. Il tutto rende la fabbrica più competitiva e attrattiva con crescita occupazionale e miglioramento delle condizioni di lavoro. Il progetto mira a:

  • sviluppare modelli della nuova fabbrica cooperativa;
  • migliorare l’efficacia e l’efficienza d’inserimento e uso della robotica cooperativa;
  • sviluppare una logistica attiva e intelligente con AGV che monitorano, trasportano o fanno azioni autonome cooperative (kitting e sequencing automatico, approvvigionamento autonomo del bordo linea, etc.);
  • definire sistemi di controllo qualità e di analisi dei dispositivi, mirati a ottimizzare la qualità prodotto/processo e la manutenzione predittiva;
  • sviluppare interfacce uomo macchina ottimizzate per la cooperazione;
  • sviluppare metodologie per la digitalizzazione e l’inserimento proficuo delle tecnologie sviluppate negli shop-floor di piccole, medie e grande aziende.

Nel progetto le tecnologie e i sistemi cooperativi elencati sono affrontati a livello di modello, sviluppo teorico e realizzazione di prototipi che sono poi validati in test case guidati dalle aziende.

Cos’è il PON Ricerca e Innovazione 2014-2020?

Fonte: http://www.ponricerca.gov.it/pon-ricerca/programma/ :

Programma Operativo Nazionale (PON) Ricerca e Innovazione 2014-2020 è lo strumento con il quale l'Italia contribuisce al miglioramento della qualità dell'istruzione superiore e al rafforzamento della ricerca, dello sviluppo tecnologico e dell'innovazione, realizzando gli obiettivi della politica di coesione dell'Unione europea a favore delle proprie aree territoriali più svantaggiate.

Il Programma, gestito dal Ministero dell'Università e della Ricerca (MUR), interessa le regioni in transizione: Abruzzo, Molise e Sardegna e le regioni meno sviluppate: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, con una dotazione finanziaria complessiva di 1.189 milioni di euro.

Obiettivo prioritario del PON Ricerca e Innovazione è il riposizionamento competitivo  delle regioni più svantaggiate allo scopo di produrre mutamenti di valenza strutturale per accrescere la capacità di produrre e utilizzare ricerca e innovazione di qualità per l'innesco di uno sviluppo intelligente, sostenibile e inclusivo.

Gli ambiti di applicazione del programma sono 12: Aerospazio, Agrifood, Blue Growth (economia del mare), Chimica verde, Design, Creatività e made in Italy (non R&D), Energia, Fabbrica intelligente, Mobilità sostenibile, Salute, Smart, Secure and Inclusive Communities, Tecnologie per gli Ambienti di Vita, Tecnologie per il Patrimonio Culturale.

ISAF

Progetto
ISAF – Integrate Smart Assembly Factory
Codice progetto ARS_01_01188
Data d’inizio: 01 Gennaio 2019

Durata : 30 mesi

Distretto Tecnologico Aerospaziale della Campania – DAC Scarl (soggetto Capofila)
Axist Srl
EnginSoftSpA
Università degli Studi di ROMA «Tor Vergata»

Il progetto ISAF (Integrated Smart Assembly Factory) affronta il problema dell’accoppiamento di due o più parti anche di grandi dimensioni in materiale composito affette da variabilità dimensionale insita nel processo di fabbricazione che causa l’insorgere di spazi vuoti tra le stesse.

Obiettivo principale è la trasformazione delle attuali fasi di assemblaggio, essenzialmente manuali, in un modello di assemblaggio automatizzato che integra nella struttura di fabbrica intelligente molteplici tecnologie innovative di frontiera. Dati di ingresso alle diverse soluzioni sono le informazioni (Big Data) rilevate in modo automatico sulla geometria delle parti e i risultati degli algoritmi predittivi di interferenze e giochi e quelli di ottimizzazione di riempitivi e/o delle correzioni sugli attrezzi (Machine learning).

Per ridurre o eliminare il problema e per imprimere uno slancio verso un livello tecnologicamente più avanzato, ISAF studia:

  • la problematica per capire e governare i parametri che generano la variabilità e conoscere i vincoli decisionali
  • una soluzione automatizzata ed integrata per misurare ed eliminare il gap con logiche adattative sugli attrezzi di fabbricazione delle parti stesse
  • soluzioni per la realizzazione di compensazioni in materiale innovativo o tradizionale con tecnologie additive (Additive Manufacturing)/sottrattive.

Con ISAF si mira a formulare un nuovo modello di fabbrica, una Integrated Smart Assembly Factory in cui si realizza un nuovo processo produttivo sostenibile che combina tra loro tecnologie nuove (additive) e consolidate (subtractive) sfruttando a pieno le potenzialità dell’acquisizione e dell’analisi numerica adattativa real-time dei big data rinvenenti dal “campo” (geometrie e Key Process Parameters), risolvendo, inoltre, le attuali problematiche di safety correlate alla carteggiatura ed incolaggio degli shim in materiale composito e non.

Per i partner il progetto rappresenta un’importante opportunità per innalzare il livello di competitività attraverso lo studio e la sperimentazione di soluzioni e tecnologie. Le soluzioni additive, inoltre, offrono grande potenzialità di sviluppo del settore tecnologico.

In termini di impatto occupazionale sul territorio di riferimento il progetto pone le condizioni per il rafforzamento a supporto del percorso di innovazione.

POR
SINTASSI

Nome del Progetto: “SINTASSI - Sistemi INtegrati e Tecnologie Additive a Supporto delle Scienze bIomediche

CUP B41B18000820007 - POR FESR CAMPANIA 2014/2020 O.S. 1.1 - Avviso pubblico per il sostegno alle imprese nella realizzazione di studi di fattibilita' (Fase 1) e progetti di trasferimento tecnologico (Fase 2) coerenti con la RIS 3

Obiettivo: Sviluppo di metodologie integrate e tecnologie additive per la progettazione di dispositivi a supporto delle scienze biomediche al fine di migliorare il livello di salute e di benessere individuale e sociale della popolazione, contemplando la possibilità di analizzare una grossa mole di dati a partire da scansioni mediche messe a disposizione da ospedali e centri di analisi, oppure effettuate in opportuni laboratori, favorendo la progettazione di dispositivi biomedici custom-made per la riparazione/rigenerazione di tessuti, modelli 3D virtuali e fisici di tessuti e organi, ausili per la chirurgia che permettono di simulare, pianificare e guidare l’intervento.

La flessibilità e l’adattabilità delle metodologie proposte ai vari sistemi di processo consentono la realizzazione di strutture 3D avanzate custom-made con specifiche proprietà meccaniche e funzionali, integrando opportune strategie di progettazione con tecniche di acquisizione/analisi delle immagini 3D (Reverse Engineering) e tecnologie additive (Additive Manufacturing).

SIADiagCarrelli

SIADiagCarrelli, Sistema Innovativo Autoalimentato di Diagnostica dei Carrelli per la Manutenzione Ferroviaria
POR FESR CAMPANIA 2014/2020
Prof. M. Terzo
2018-2020

FUSIMCO

FUSIMCO, Fusoliera Ibrida Metallo
Composito FESR
Prof. F. Marulo
2014-2020

SCAVIR

SCAVIR, Studio di Configurazioni Avanzate per lo sviluppo di un Velivolo Innovativo Regionale
FESR
Prof. F. Marulo
2014-2020

MISTRAL

MISTRAL, MicroSatellite con capacità di Rientro AvioLanciabile
Regione Campania (POR FESR 2014-2020)
Prof. R. Savino
2020-2022
http://www.daccampania.com/mistral-5/

PRIN
DEVISU

DEVISU, DEvelopment and applications of a VIrtual hybrid platform for multiscale analysis of advanced StructUres of aircraft
Prof. S. De Rosa
2019-2022
https://urly.it/36qv4

FASTire

FASTire, Foam Airless Spoked Tire: Smart Airless Tyres for Extremly-Low Rolling Resistance and Superior Passengers Comfort
Prof. F. Farroni
2019-2022

TASTES

TASTES, ThermoAcoustic technology for Solar and waste heaT powered Energy conversion Systems
Prof. R. Romano
2019-2022

CREATEFORUAS

CREATEFORUAS, Cooperation and REliable Autonomous TEchnologies to Foster Operations Relying on Unmanned Aircraft Systems
Prof. G. Fasano
2019-2022

SPIV

SPIV (Sistema Propulsivo Ibrido Vega), Ricerca e sviluppo tecnologico sulla Propulsione Ibrida basata su propellenti a paraffina
Ente finanziatore: Agenzia Spaziale Italiana (ASI)
Prof. R. Savino
2020-2022